La nostra storia

Se qualcuno dodici anni fa mi avesse detto che mi sarei occupata personalmente, con passione e professionalità di questo tema (e che avrei avuto due bambine) gli avrei detto: improbabile. Infatti non svolgevo una professione attinente al tema e costruire una famiglia, crescere dei bambini non faceva parte dei miei sogni consapevoli.

Tutto cambiò invece con la prima gravidanza e mi resi conto abbastanza presto che non avrei esitato a cambiare e a lasciarmi trasformare da questa esperienza.

Quando cercai un mezzo più comodo e agevole per trasportare la mia bambina quando sarebbe nata avevo la fortuna di ricevere delle indicazioni da un’amica in Svizzera, che mi faceva conoscere la fascia lunga e la possibilità di frequentare un corso per imparare a portare (da Susi Milz). Presto comunque mi resi conto che non si trattava di utilizzare (bene) uno strumento di trasporto alternativo alla carrozzina ma che sarebbe stata una modalità (diversa) per stare (bene) insieme alla mia bambina. Iniziò allora la ricerca e la scoperta dei mondi dietro alla piccola parola “portare”; seguita presto dalla richiesta di altri genitori di trasmettere loro le conoscenze acquisite.

Da allora sono passati più di dodici anni e oggi sono madre di due bambine ormai ben oltre il periodo portato: sono rimasta presidente onoraria dell’associazione culturale Portare I Piccoli che ho fondato nel 2003, rimango ideatrice e webmaster del sito www.portareipiccoli.it (dal 2002), sono stata consulente professionale Portare I Piccoli per genitori, ricercatrice pluridisciplinare indipendente sul tema, e responsabile della formazione Portare I Piccoli ® per istruttrici PIP ®  fino al 2013.

Ora il mio percorso di vita mi porta a vivere delle nuove esperienze. Dopo dodici anni di dedizione al tema del portare i piccoli, rimangono le istruttrici PIP formate in questi anni, che in molte continuano ad offrire corsi per genitori. Il progetto della formazione Portare I Piccoli invece passa nelle mani di Sarah Cinquini e Margherita Chiappini, che lo porteranno avanti assieme ad un gruppo docenti. Trovate le informazioni sul sito www.portareipiccoli.com.

Esther Weber

Torna su